Cece Nero, il legume dimenticato che è più nutriente e salutare.
È un’ingrediente antico ricco di ferro, calcio, potassio, magnesio e fosforo

Il cece nero vanta delle caratteristiche particolari che gli permettono di essere nutriente e salutare. Un tempo, quando la carne era una materia rara, i legumi costituivano un’alternativa preziosa per migliorare l’alimentazione quotidiana.
Oggi torniamo a utilizzare questi ingredienti antichi, gustosi per il palato e ricchi di proprietà per la salute.
Il Cece Nero è un prodotto eccezionale per le diete vegetariane e vegane.

Proprietà del Cece Nero

Rispetto alla tipologia di cece più conosciuta, la varietà nera ha delle caratteristiche differenti.
Il primo aspetto che lo distingue nettamente dal cugino è la colorazione nera della buccia, anche le sue dimensioni sono minori e la superficie della buccia è rugosa e irregolare.

Un altro aspetto che rende il cece nero un legume particolarmente interessante è la concentrazione di fibre e ferro al suo interno.
I ceci neri sono noti per l’elevato apporto di ferro e proteine al nostro organismo.
Sono composti per il 10% da acqua, per il 19% da proteine e per il 17% da fibre alimentari: queste ultime si rivelano molto utili per regolare il transito intestinale e per favorire un maggiore senso di sazietà.

Nei ceci neri sono presenti anche molti gruppi vitaminici, in particolare le vitamine B, K, C ed E. Per quanto riguarda l’apporto energetico, 100 grammi di ceci neri permettono di assimilare circa 120 calorie.

Origini del Cece Nero

La minestra calda di ceci neri è un piatto povero della cucina contadina che merita di essere riscoperto.

Le prime tracce dei ceci neri risalirebbero secondo alcuni ai tempi dell’età del bronzo, quindi migliaia di anni fa.
In effetti, la coltivazione dei ceci era già molto diffusa presso gli Egizi, poi anche tra i Greci e i Romani benché questi ultimi li usassero consumare fritti.

Nonostante abbia un gusto più deciso e proprietà nutrizionali invidiabili, nel tempo questo tipo di legume è stato consumato sempre meno fino quasi a scomparire. La causa maggiore è da ricondurre ai lunghi tempi richiesti per ammollo e cottura del cece nero.

Il Cecio Nero costituisce un’importante fonte di nutrienti, ed è grazie a questo suo aspetto salutare che oggi viene riscoperto come ingrediente fondamentale della nostra alimentazione.